Italia , Lombardia , Provincia Mi , Vimodrone  , Vimodrone
  • In bici

Il percorso congiunge Milano al fiume Po. L’itinerario, interamente percorribile in bicicletta e lungo circa 160 km, si snoda utilizzando le sedi ciclabili già esistenti connettendole, in alcuni casi, con tratti promiscui segnalati dal portale Lombardia in Bicicletta (clicca per info)

Visualizza il percorso

In bicicletta da Milano al fiume Po

Milano, seconda città più popolosa d’Italia, è facilmente raggiungibile in treno (grazie alle sue numerose stazioni) e in aereo (utilizzando il centralissimo aeroporto di Linate o gli aeroporti di Malpensa e Orio al Serio).

Si parte dall’alzaia del Naviglio Pavese di Milano dove ha inizio la pista ciclabile. Il paesaggio fa già intuire che l’acqua è l’elemento che caratterizzerà tutto l’itinerario.

Lasciata la periferia milanese, il territorio si fa sempre più rurale: è possibile ammirare le cascine lombarde “della bassa” (splendidi esempi di architettura che ospitava nobili famiglie latifondiste a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento), i sistemi di chiuse dei navigli, gli splendidi ponticelli in ferro, le conche e i marchingegni che consentivano la discesa dei barconi.

Giunti nella frazione di Torre del Mangano, è possibile accedere a un’apposita pista ciclabile che porta alla Certosa di Pavia. Costruita a partire dal 1396 all’estremità settentrionale del parco visconteo, l’edificazione venne conclusa tra il 1540 e il 1560.

La fastosità del complesso non dimentica le esigenze minimaliste tipiche dell’ordine dei certosini che qui risiedevano conducendo una vita di totale clausura.

Il complesso è stato dichiarato nel 1886 Monumento Nazionale Italiano.

Lasciata la Certosa, in meno di 8 km si giunge a Pavia e, più precisamente, al Ponte coperto, oggetto di ricostruzione nel Dopoguerra a causa dei gravi danni subiti nel settembre 1944 dai bombardamenti alleati.

La città di Pavia racchiude in una superficie contenuta un elevato numero di importantissimi beni culturali e, proprio per questo motivo, merita una visita approfondita. Ci si può perdere tra le sue splendide chiese (S. Pietro in Ciel d’Oro; S. Maria del Carmine; S. Teodoro, S. Michele, S. Maria di Canepanova per citarne alcune); si può visitare il Castello visconteo che ospita i Musei civici o, più semplicemente, si può passeggiare in Piazza della Vittoria  cuore della città.

Lasciati Pavia e il fiume Ticino che poco più a sud andrà a immettersi nel Po, il percorso prosegue lungo la Via Francigena fino al comune di Orio Litta.

Si attraversa dapprima la frazione di S. Pietro in Verzolo (dove si trova la chiesa omonima) e successivamente la località di S. Leonardo, dove si possono trovare nell’ordine la parrocchiale e l’oratorio di S. Giacomo della Cerreta. Ulteriore elemento dì interesse incontrato lungo il cammino, posto al 16 km di questa tappa, è Belgioioso, importante centro agricolo fortificato, con il suo castello un tempo di proprietà della famiglia Visconti e oggi location di prestigiosi eventi.

Il cammino riprende verso S. Cristina e Bissone, arrivo di tappa, dove si può visitare il Museo contadino della bassa pavese (per maggiori info ).

Lasciata S. Cristina e Bissone è possibile effettuare una breve deviazione dall’itinerario per visitare S. Colombano al Lambro, centro agricolo che conserva ancora parti dell’antico castello medievale all’interno del quale si trova un interessante borgo.

Tappa successiva è il Castello Cusani Visconti di Chignolo Po, raro esempio di architettura neomedievale edificato nell’XVIII sec. sulla base di un complesso duecentesco. All’interno della struttura sono ospitati il Museo di storia e civiltà agricola e il Museo lombardo del vino.

La tappa termina a Orio Litta dove è possibile ammirare la villa omonima, una delle più belle residenze barocche della bassa pianura lombarda che oggi ospita periodiche manifestazioni culturali (maggiori info).

Da qui l’itinerario corre quasi sempre nella golena del fiume Po, ovvero nello spazio compreso tra la riva del fiume e il suo argine.

Si attraversa il borgo lineare di S. Stefano Lodigiano dove è possibile visitare la settecentesca Parrocchiale opera di Cosimo Morelli.

 

Seguendo il tortuoso corso del fiume che segna il confine tra Lombardia ed Emilia-Romagna si giunge a Castelnuovo Bocca d’Adda, per secoli importante porto tra Piacenza e Cremona, dove è tutt’oggi presente il Castello visconteo trasformato in palazzo signorile nel ‘700 dalla famiglia Stanga.

A breve distanza si entra nel piccolo abitato di Crotta d’Adda, attraversata dal fiume omonimo che nel volgere di pochi chilometri sfocia nel fiume Po. Qui è possibile ammirare Villa Stanga-Trecco, un bellissimo esempio di architettura tardo-barocca risalente a fine ‘600.

Si prosegue attraversando il comune di Spinadesco prima di arrivare a Cremona.

La Piazzadel Comune, luogo centrale della città, rappresenta uno splendido esempio di spazio pubblico medievale; qui, infatti, si affacciano il Palazzo del Comune, simbolo del potere temporale, e il Duomo, simbolo del potere spirituale. Inoltre,la Piazzadel Comune, chiusa su tre lati, accoglie il Torrazzo (con i suoi 111 m di altezza), il battistero e la loggia dei Militi.

Da non perdere una visita a Palazzo Fodri, oggi sede della Fondazione Stradivari, alla chiesa di S. Agostino, con il ciclo di affreschi di Bonifacio Bembo, a quella di S. Sigismondo, a Palazzo Raimondi e al Museo Civico “Ala Ponzone”.

È possibile terminare l’itinerario a Cremona dove, grazie alla linea delle Ferrovie dello Stato Milano-Mantova, è possibile ritornare comodamente al punto di partenza caricando la bicicletta sul treno.

Pavia_FPA100096

OSTELLO SANTA MARIA IN BETLEM

Via Pasino, 7
27100 Pavia (PV)

+39 331 30 46 459

info@ostellosantamariainbetlem.com
IMG_0796

OSTELLO ARTEMISTA

Via Castello, 4/I
27010 Spessa (PV)

+39 0382 72 99 19
+39 0382 72 99 19
associazioneartemista@gmail.com
CIMG3874

OSTELLO LA CANONICA

Via Chiesa, 3
26045 Motta Baluffi Loc. Solarolo Monestarolo (CR)

+39 0375 96 90 13
+39 0375 96 90 13
info@ostellolacanonica.it
ostello_stanza tripla1

OSTELLO L’ARCHETTO

Via Brescia, 9
26100 Cremona (CR)

+39 0372 80 77 55

info@ostellocremona.com
IMG_4001

OSTELLO BREDA

Via Breda Azzolini, 7/B
26036 Rivarolo del Re ed Uniti (CR)

+39 0375 53 51 87
+39 0375 53 51 87
ostellobreda@mail.com
prossima_apertura.jpg

OSTELLO CASCINA LA COLOMBERA

Via Cascina Colombera
20080 Casarile (MI)



DSCN3158

OSTELLO IL MORONE

Via Roma, 2
27017 Pieve Porto Morone (PV)

+39 339 8087299
+39 0382 728046
protocollo@comune.pieveportomorone.pv
more